AntropologiaArcheologiaArte e beni culturali
Astronomia
BiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

Ad Acireale un laboratorio di cultura e tecnologia per i beni culturali

di redazione web

Acireale Living Lab, un progetto per la valorizzazione del patrimonio culturale e la fruizione turistica della città sviluppato insieme all'Ibam Cnr di Catania


Ad Acireale è nato un laboratorio per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio storico, archeologico e monumentale della città: l’Acireale Living Lab, frutto della collaborazione con un team multidisciplinare dell’Istituto Ibam Cnr di Catania. Il laboratorio è un luogo di aggregazione per la conoscenza, la condivisione e la contaminazioni tra i diversi saperi che abbracciano il settore dei beni culturali.

L'iniziativa intende favorire la capacità di utilizzare la ricerca e l’innovazione per promuovere lo sviluppo e la sostenibilità del patrimonio culturale acese, rendendo il territorio maggiormente competitivo e attrattivo, attraverso nuovi modi di fruizione del patrimonio culturale ottenuti con l’ausilio delle più recenti soluzioni tecnologiche applicate ai beni culturali: lo storytelling adattivo, ad esempio, una nuova modalità di conoscenza ed esplorazione dei beni culturali in cui la tradizionale visita si arricchisce di stimoli, contenuti, emozioni in grado di offrire al visitatore un’esperienza culturale molto più articolata e di lunga durata. 

Lo studio e la ricerca sul patrimonio culturale del comune di Acireale è stata condotta sul territorio con particolare attenzione al centro urbano, custode di preziosi beni monumentali e paesaggistici, con focus specifici sugli aspetti architettonici del barocco, sui beni archeologici dispersi nel territorio, sul patrimonio ambientale e naturalistico e sulle pratiche artigianali storicamente presenti in quest’area ricca di cultura creativa: il mestiere dei pupari, la lavorazione della cartapesta. Punto di partenza è stata la Biblioteca Zelantea di Acireale, che ha messo a disposizione il suo straordinario patrimonio librario, che ha permesso di ricostruire le vicende storiche della città e del suo comprensorio.

Al visitatore è offerto un virtual tour del territorio compreso tra Acireale e il Parco “Valle delle Aci”, esplorando virtualmente alcuni punti di interesse più significativi del territorio, accedendo a contenuti scientifico-divulgativi appositamente prodotti facendosi coinvolgere dalla visione di prodotti multimediali, come video emozionali, prodotti con lo specifico fine di valorizzare la città, la sua storia e la sua  cultura, addentrandosi all'interno delle trame di arte e tradizione che caratterizzano il territorio acese.