AntropologiaArcheologiaArte e beni culturaliBiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

Catania e Mazzini, il documentario sul monumento della Villa Bellini

di Giovanni Flaccomio e Luca Platania

Giovanni Flaccomio e Luca Platania sono gli autori del video che ripercorre la storia catanese dal Risorgimento al Fascismo partendo dalla collocazione nel giardino cittadino della statua realizzata da Francesco Licata




Un documentario di 20 minuti - dal titolo "Catania e Mazzini" - per ripercorrere la storia catanese dal Risorgimento al Fascismo e, in particolar modo, la collocazione all'interno della Villa Bellini della prima rappresentazione pubblica in marmo a figura intera del patriota.

Lo hanno realizzato gli autori e produttori Giovanni Flaccomio e Luca Platania ispirati dal Monumento a Giuseppe Mazzini di Francesco Licata, la statua collocata nel giardino etneo nel 1875.

Il documentario, promosso dalla sezione catanese dell’Associazione Mazziniana Italiana col patrocinio dell'Ami onlus, del Comune di Catania e del dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università di Catania, è arricchito dal prezioso repertorio iconografico e dalle musiche del “Coro Michele Novaro” di Torino, prodotte dal “Progetto Scriptorium” onlus.

Un progetto nato durante la manifestazione “Omaggio a Mazzini - I 140 anni del monumento a Giuseppe Mazzini di Catania" che si è svolta il 23 ottobre 2015 al Palazzo della Cultura a Catania. Proprio nel documentario sono inserite anche le testimonianze dei relatori della conferenza del 23 ottobre: il sindaco Enzo Bianco, il presidente dell’Ami onlus Mario Di Napoli, il direttore del Disum Giancarlo Magnano San Lio, il prof. Giovanni Grasso, il vicepresidente dell'Ami e docente dell'Università di Pisa Michele Finelli e il rappresentante dell'Ami e docente dell'Università di Catania Luca Platania.