AntropologiaArcheologiaArte e beni culturaliBiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

Metro&Bus, una navetta per la Cittadella

di Mariano Campo e Zammù TV (video)

Grazie all'intesa tra Comune, Ateneo e Fce studenti e personale dell'Ateneo potranno raggiungere le sedi universitarie in pochi minuti




A partire da lunedì 25 settembre un bus navetta da 52 posti della Ferrovia circumetnea collegherà la stazione Milo della metropolitana alle sedi universitarie della Cittadella. Le corse saranno effettuate ogni dieci minuti dalle 7 del mattino alle 15 e ogni venti dalle 15 alle 20. Viceversa, coloro i quali lasceranno l’auto nel parcheggio “Santa Sofia” di via Zenone, dove si trova l'altro capolinea, potranno raggiungere in circa un quarto d'ora la stazione Milo.

Il servizio – fruibile per chi è in possesso del titolo di viaggio della metropolitana - è stato reso possibile grazie a un’intesa tra il Comune di Catania, la Fce e l’Università di Catania ed è a disposizione degli studenti, dei docenti, del personale e dei cittadini che devono raggiungere quest’area della città, dove si trovano anche il Policlinico e il pronto soccorso d’imminente apertura.

Martedì 19 settembre la nuova linea di “Metro Shuttle” è stata inaugurata dal sindaco di Catania Enzo Bianco, del commissario governativo della Fce Virginio Di Giambattista e del rettore Francesco Basile, presente insieme con il direttore generale Candeloro Bellantoni che hanno illustrato i dettagli e le motivazioni dell'iniziativa ai microfoni di Zammù TV.

«Questo servizio è uno dei primi esempi seri e forti di collaborazione tra enti nel settore della mobilità integrata - ha sottolineato il primo cittadino - Catania vuole essere una città accogliente per gli studenti ma anche una città che offre nuovi modelli di mobilità sostenibile». «Prosegue – ha aggiunto l’ing. Di Giambattista - con il riordino dei servizi di superficie e l’imminente completamento verso Paternò, da un lato, e l’aeroporto dall’altro, l'ambizioso programma di miglioramento delle condizioni di mobilità della Città metropolitana, di cui proprio la linea della metro è il punto di forza».

«Ringrazio a nome dell’Ateneo il Comune di Catania e la Ferrovia Circumetnea – ha detto il rettore Basile - per aver reso possibile, in tempi brevissimi e addirittura prima dell’inizio dell’anno accademico, un auspicio che avevo espresso il giorno dell’apertura della stazione Milo. Si tratta di un’azione concreta per rendere più facile la vita ai nostri studenti e di un segnale importante per tutta la cittadinanza: incoraggiando i giovani a utilizzare i mezzi pubblici li esortiamo a cambiare mentalità e a praticare e diffondere la cultura della mobilità sostenibile». «È un’iniziativa che si inquadra nel complesso dei provvedimenti per migliorare la mobilità di studenti e personale dell’Università – ha concluso il direttore Bellantoni -, facilitando la frequenza e l’accesso ai luoghi di lavoro.