AntropologiaArcheologia / ArteBiotechChimicaDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisica e AstronomiaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della TerraScienze e tecnologie alimentariScienze medicheScienze naturaliScienze politicheSociologiaStoriaStoria del cinema

Il La del “Contrappunto Festival”

di Irene Isajia

Ecco com'è andata la prima tappa del festival internazionale diretto da Nicola Malagugini e organizzato dalle associazioni Area Sud e Orchestra Scontrino


La prima tappa del festival “Contrappunto”, organizzato dalle associazioni Area Sud e Orchestra Scontrino, con la direzione artistica di Nicola Malagugini, si è svolta venerdì 11 novembre 2022 all’interno di Viagrande Studios (Catania), centro multidisciplinare per la formazione artistica in Sicilia.

Il pubblico, introdotto all’esecuzione dalla guida all’ascolto, si è lasciato avvolgere dal suono elegante dell'Orchestra Amatoriale Vincenzo Scontrino, diretta dal giovanissimo direttore Alberigo Maria Ferlito che si mette alla prova con due sinfonie dal carattere complesso. La più celebre sinfonia giovanile di Wolfgang Amadeus Mozart, n. 29 in La Maggiore K201, che già nell’Allegro moderato mostra aspetti quasi programmatici, con una conciliazione inedita dello stile contrappuntistico (“stile dotto”) con quello galante e la Sinfonia in Re maggiore n. 74 “La caduta di Fetonte” di Carl Ditters von Dittersdorf, ricca di effetti di grande espressività.

Ciò che resta della musica condivisa è l’effetto dell’aggregazione. È l’esempio di come un'esperienza di integrazione sociale e intergenerazionale come quella vissuta dall’Orchestra Scontrino, che sperimenta la pratica della musica d’insieme tra amatori (dai 12 agli 82 anni, ad oggi) sia nel repertorio sinfonico sia in quello cameristico, che mette insieme anche genitori e figli musicisti, che stimola a migliorarsi anche ai fini non semplicemente performativi, possa coinvolgere altri e lo stesso pubblico nella dimensione aggregativa, sociale ed estetica della musica.