ArcheologiaArte e beni culturaliBiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

Le pagine e la Fabbrica

di redazione web

Prende il via giovedì il calendario di appuntamenti ideato da Officine Culturali in occasione del 40esimo anniversario dalla donazione del Monastero dei Benedettini all’Università di Catania per discutere di beni e patrimonio culturale

Il bookshop del Monastero dei Benedettini di Catania diventa luogo di incontri per discutere i temi legati al patrimonio culturale. A partire dal 15 dicembre e fino a maggio del 2017, infatti, verranno ospitati autori e curatori di libri che hanno al centro le opere, le professioni, i luoghi e i pubblici della cultura. 

La rassegna di presentazioni a cura dell'associazione Officine Culturali, in collaborazione con il dipartimento di Scienze umanistiche dell'Università di Catania, prende il nome di “Le pagine e la fabbrica – incontri su libri e patrimonio culturale” e rientra tra le attività previste per celebrare i 40 anni dalla donazione del Monastero dei Benedettini da parte del Comune di Catania all’Università.

Il passaggio di proprietà avvenuto il 13 aprile del 1977 ha consentito all’edificio monumentale di rinascere con una nuova destinazione, divenendo piazza di socializzazione e di crescita per gli studenti siciliani, luogo di intensa comunicazione culturale, di scambio di conoscenza, modello di recupero prima e di gestione e valorizzazione dopo. 

Inserito nelle liste Unesco nel 2002 e riconosciuto quale “Opera di Architettura Contemporanea”, il Monastero è oggi uno dei siti di Catania più visitati, dal vero e online. Ogni anno la sua fama cresce e la sua fortuna è dovuta all’audace scelta dell'allora preside Giuseppe Giarrizzo e del rettore Gaspare Rodolico, che intuirono sarebbe divenuto un punto di riferimento per la città di Catania. La sua storia si intreccia poi con quella del grande architetto Giancarlo De Carlo e del geometra Antonino Leonardi, che con il loro amore per le forme architettoniche lo hanno reso un luogo di luce e di trasmissione della conoscenza, bellissimo da guardare e da scoprire lentamente. In ultimo, da sette anni, è giunta Officine Culturali che lo ha aperto a tutti, grandi e piccini, che sta investendo le proprie energie per raccontare le storie custodite al suo interno, rendendolo esempio virtuoso di collaborazione tra pubblico e privato per la valorizzazione dei beni culturali.

La rassegna di incontri “Le pagine e la fabbrica” vuole essere uno dei modi per celebrare questa avventura e per discutere non solo di “musei”, ma anche del Monastero. I cinque incontri, ideati anche in collaborazione con la cattedra di Museologia del Disum (professoressa Federica Maria Chiara Santagati), prenderanno il via giovedì 15 dicembre con la presentazione del libro “Artestorie: le professioni dello storico dell’arte” a cura di Maria Stella Bottai, Silvia Cecchini, Nicolette Mandarano, una raccolta di testimonianze per una mappatura delle professioni praticabili oggi in Italia da chi è laureato in storia dell’arte. A seguire, giovedì 26 gennaio 2017, Mariarita Sgarlata presenterà il suo nuovo libro “L'eradicazione degli antropodi - La politica dei beni culturali in Sicilia”, un’analisi lucida dello stato attuale della gestione del patrimonio storico-artistico a partire dalla sua esperienza come assessore ai Beni culturali della Regione Siciliana. Giovedì 9 febbraio 2017 si continuerà a parlare di gestione e di politiche per il futuro con Giuliano Volpe, in occasione dell’uscita del suo nuovo volume “Un patrimonio italiano”.

Dal terzo appuntamento in poi si discuterà del Monastero dei Benedettini, grazie alla pubblicazione di alcune ricerche condotte negli ultimi anni: si comincia venerdì 3 marzo, con la presentazione del volume di Carmelo Russo, ingegnere che collaborò al grande cantiere del Monastero con De Carlo e Pagnano, autore del libro “Il recupero del Monastero di San Nicola L’Arena - Un progetto per Catania di Giancarlo De Carlo”. Il 13 aprile verrà presentato un libro molto atteso che permette di ricostruire la storia del recupero del Monastero attraverso le stesse parole di Giancarlo De Carlo; vede la luce, infatti, “La gentilezza e la rabbia - 105 Lettere di Giancarlo De Carlo sul recupero del Monastero dei Benedettini”, ultima fatica editoriale del Geometra Leonardi, scritta e curata in collaborazione con Claudia Cantale. Infine il 5 maggio gli autori e il curatore del volume “Breve storia del Monastero dei Benedettini” (Francesco Mannino) racconteranno la genesi del libro che racchiude le vicende che hanno attraverso lo splendido edificio monastico.