AntropologiaArcheologia / ArteBiotechChimicaDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisica e AstronomiaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politicheSociologiaStoriaStoria del cinema

Pillole di Museo 6, la rappresentazione dell'Architettura

di Chiara Racalbuto (redazione web)

Torna l'appuntamento con il tour virtuale di musei, archivi e collezioni del nostro Ateneo. Un nuovo video-racconto ci porta a Villa Zingali Tetto, sede del Museo della Rappresentazione (MuRa)


Torna "Pillole di Museo", il tour virtuale di musei, archivi e collezioni dell'Università di Catania promosso dal Sistema Museale di Ateneo (Simua).

Dei brevi video realizzati da studenti, tirocinanti e dottorandi del nostro Ateneo, con la supervisione dei responsabili scientifici e in collaborazione con Zammù TV, raccontano la storia delle singole strutture e consentono di esplorarle a distanza, per mantenere accesi i riflettori su una realtà museale importante, che caratterizza la nostra identità territoriale e che merita di essere valorizzata.

Questa volta vi mostriamo il Museo della Rappresentazione (MuRa), con sede a Villa Zingali Tetto, opera dell'architetto e ingegnere Paolo Lanzerotti.

Residenza privata dell'avv. Paolo Zingali Tetto, la villa è uno splendido esempio di edificio in stile Liberty, a cui hanno lavorato anche  Gaetano D’Emanuele, realizzatore dei preziosi pavimenti e dei soffitti e Salvatore Gregoretti, autore delle vetrate istoriate del Giardino d’Inverno.

Passato all'Università di Catania nel 1975,  l'edificio venne ristrutturato nel 1996, nell'ambito del progetto Catania-Lecce, per essere adibito a Laboratorio e Museo della Rappresentazione.

Il MuRa custodisce diverse collezioni di disegni di progetto o a tema architettonico. I due fondi più importanti sono il Fondo Francesco Fichera, che comprende circa 1600 tra copie eliografiche e disegni originali dell'importante architetto catanese, e il Fondo Giovanni Battista Piranesi, incisore, architetto e teorico dell'architettura, consistente in circa un migliaio di incisioni provenienti dalla Calcografia Reale di Roma. La collezione comprende anche fondi di artisti minori quali Camporesi, De Vico, Pannini.

Il museo oggi ha come obiettivo il potenziamento delle attività di ricerca e di didattica del Dipartimento di Ingegneria civile e Architettura. Sono stati istituiti due laboratori: il laboratorio di "Rilievo, Rappresentazione, Ricostruzione digitale" e il "Laboratorio Strumenti per il Progetto di Architettura".