AntropologiaArcheologiaArte e beni culturaliBiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

Prima lezione di Urbanistica

In questa lezione introduttiva, il professore Paolo La Grecadocente di Tecnica e Pianificazione Urbanistica al dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura, illustra le basi di una disciplina nata per progettare spazi urbani "vivibili"


Questa lezione introduttiva di Urbanistica, tenuta dal professore Paolo La Greca, ordinario di Tecnica e Pianificazione Urbanistica al dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura, muove dalla constatazione che in un mondo sempre più urbano la contrapposizione tra la campagna e la città sembra sfocarsi a favore delle necessità che ci obbligano ad agire, intenzionalmente, per dare qualità territoriale alle grandi regioni urbanizzate del nostro pianeta. 

La lezione fa parte della seconda edizione del ciclo "Prime lezioni di..." realizzato da Zammù TV e Centro Orientamento e Formazione d'Ateneo per aiutare gli alunni delle scuole medie superiori nel delicato passaggio all'università.


L’urbanistica è nata come disciplina da poco più di un secolo, quando a molti sembrava che la condizione urbana, a seguito della rivoluzione industriale, avesse imboccato la via del non ritorno. Piuttosto che la morte della città, le trasformazioni epocali, seguite a quella rivoluzione, ne hanno determinato il trionfo su scala planetaria (il 75% della popolazione mondiale sarà urbana nel 2050). Le città tuttavia, smisuratamente energivore, continuano, a essere fra le prime generatici di fattori inquinanti che, “nell’era dell’antropocene”, rischiano di generare danni irreparabili. È l’obbligo di condividere la responsabilità per il futuro possibile della condizione umana sul nostro pianeta che porta l’urbanistica, a partire dalla comprensione della complessità dei fenomeni contemporanei, ad analizzarne le cause affiancata, nel suo rigore, dall’apporto di più discipline che hanno la città come oggetto di studio. Il passaggio dalla conoscenza all’azione è sostenuto da una forte concezione etica che ha al centro l’idea del bene comune, nel governo, nel progetto, nella gestione, nella pianificazione del fenomeno urbano. Dalla soluzione dei problemi propri alla nostra “casa comune” dipenderà la sopravvivenza stessa della specie umana sulla Terra.


Vedi anche