AntropologiaArcheologiaArte e beni culturali
Astronomia
BiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

"Dreaming out loud", ad alta voce contro il razzismo

di Zammù TV (video) e Mariano Campo

Ecco il video "non violento" prodotto dal laboratorio di alternanza scuola-lavoro in Cooperazione internazionale del dipartimento di Scienze politiche e sociali




"Sognare ad alta voce", contro il razzismo, per l’integrazione e la comprensione tra le persone, qualunque sia la loro provenienza.

Sono questi i messaggi lanciati dal video che è stato prodotto dal laboratorio "Dreaming out loud", nell’ambito di un progetto organizzato dal dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università di Catania e dal Cope (Cooperazione Paesi emergenti), quale risultato finale del progetto di alternanza scuola-lavoro per “Esperto in Cooperazione internazionale”.

L’iniziativa si è tenuta nella sede del Dsps dal 25 al 31 ottobre 2017 e ha coinvolto studenti del liceo scientifico statale “Galileo Galilei” di Catania, allievi dell’Istituto di istruzione superiore “Lucia Mangano” e giovani ospiti dello Sprar di Catania, impegnati in un esperimento di “comunicazione non violenta”, volta a promuovere la cultura dell’accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo.

Zammù TV ha seguito da vicino questa significativa esperienza, raccogliendo le voci dei promotori e di alcuni dei ragazzi autori e protagonisti del video. I passaggi fondamentali dell’iniziativa vengono così raccontati dai docenti Giorgia Costanzo, responsabile del progetto di alternanza scuola-lavoro del dipartimento, e Luca Ruggiero, presidente del corso di laurea magistrale in Global Politics and Euro-Mediterranean Relations, e dal referente per i progetti con l’estero del Cope Manuele Manente.

Ai ragazzi è affidata la trasmissione – in tante lingue diverse – delle parole chiave che tutti dovremmo saper pronunciare e professare, e che fanno risaltare l’importanza della comprensione, del rispetto e della collaborazione che ci rendono “stronger together”.