ArcheologiaArte e beni culturaliBiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

Come usare l'intelligenza nello studio universitario

di Zammù TV (video)

"Superare la rigidità degli schemi mentali": questo il consiglio dato dal prof. Santo Di Nuovo alle matricole di Ingegneria




Il prof. Santo Di Nuovo ha tenuto una lezione nell'ambito del secondo ciclo di incontri dedicati alle matricole dell'a.a. 2016/17 "Incipit / Imparare meglio: come usare la mente nello studio universitario", finalizzati ad offrire un orientamento generale e utile all'uso della mente nello studio di saperi di crescente complessità.

Nell'aula magna dell'Edificio della Didattica di Ingegneria, il docente di Psicologia ha parlato agli studenti del dipartimento di Ingegneria elettrica, elettronica e informatica di come "Studiare all'Università in modo intelligente". "L'intelligenza - ha spiegato Di Nuovo- ci consente di recepire gli stimoli esterni, comprendendoli e rielaborandoli; di farci adattare alle nuove situazioni; di risolvere problemi e prendere decisioni. Può anche essere emotiva e relazionale".

Lo studio universitario è differente anche nel metodo e nell'approccio rispetto a quello scolastico e per questo il docente ha invitato le matricole a "superare la rigidità degli schemi mentali. La rigidità mentale, infatti, è rassicurante, ma fa perdere di efficacia".

Nel corso dei vari incontri di Incipit, che si sono svolti dal 6 al 24 ottobre 2016, gli studenti sono stati invitati a riflettere su temi quali la motivazione, la necessità di avere consapevolezza della propria auto-costruzione professionale e culturale, l'importanza della pianificazione nello studio delle materie, il ruolo della memoria e dei tempi attentivi, la connessione tra discipline nei saperi moderni, i propri diritti e doveri, l’uso produttivo degli strumenti informatici e dei new media, oltre a indicazioni teorico-pratiche e metodologiche relative agli specifici settori di studio (umanistico, sociale-economico, scientifico teorico e applicato).