AntropologiaArcheologiaArte e beni culturali
Astronomia
BiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

Suq. Unconventional Sicily vince "Sicilia Felicissima"

di redazione web

Una rivista indipendente, made in Catania, ha vinto il primo premio dell'edizione 2019 del contest dedicato al design della comunicazione visiva e territorio

La giuria del concorso “Sicilia Felicissima - comunicazione visiva e territorio”, contest dedicato ai progetti di comunicazione visiva nati dalla collaborazione fra designer e aziende o enti siciliani, che valorizzano le risorse materiali e immateriali dell’isola, ha premiato la rivista "Suq. Unconventional Sicily", per il merito di essere "un prodotto immateriale che fotografa – a prescindere dal valore grafico – una nuova narrazione della Sicilia, al di fuori dei luoghi comuni".

Suq. Unconventional Sicily è una rivista transmediale indipendente realizzata un gruppo di creativi catanesi: Francesco Blancato, Antonella Salamone, Alessandra Lucca, Angelo Fruciano, Luca Di Giacomo, Marina Bocchetti, Claudio Patanè, che già dall'homepage del suo sito mette le cose in chiaro con i visitatori: "Suq è la sicilia, quella mai raccontata. Quella che trovi frugando tra ciò che conosci e ciò che non sai ancora".

Gli altri premiati sono stati: Verci – a Journey realizzato da Fada (Flavia D’Anna) e realizzato per Verci che ha ottenuto il secondo posto; terzo posto per Sélva Studio con l’immagine coordinata per LAND - La Nuova Dogana. Menzioni speciali per D.A.D.T. Don’t Ask Don’t Tell, progetto di Donato Faruolo per la mostra collettiva che ha chiuso il Palermo Pride, Identità visiva dell’azienda Agricola Kibbò progettata da GialloGin (Alexandra Dossi, Caterina Virzì) per l’azienda agricola di Maria Pia Piricò. Menzione, infine, anche per il progetto di identità visiva di Moltivolti, ristorante siculo-etnico e coworking situato nel quartiere di Ballarò a Palermo, progettata da Overalls Adv. Nella categoria studenti, novità 2019, primo premio a Abecedario Pareidolico – tra immaginazione e pareidolia, realizzato da Giovanna Boscia, studentessa dell’Aba di Palermo.

Tra le case history presentate anche quella di Fud Bottega Sicula, il cui progetto di comunicazione è stato raccontato dall’imprenditore Andrea Graziano da Claudio Cocuzza dell’agenzia Add Design.

Tutti i progetti visual premiati o selezionati sono in mostra nel Corridoio dell’Orologio del Monastero dei Benedettini e sarà possibile ammirarli fino al 7 marzo dalle 8 alle 18:30 (giovedì 7 dalle 8 alle 13:30).