AntropologiaArcheologiaArte e beni culturaliBiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

Il futuro delle città tra Big Data e Urban Economy

La professoressa Piyushimita Thakuriah (Università di Glasgow) illustra il tema delle nuove modalità di governance delle città rese possibili dall'analisi dei Big Data. In video il suo intervento alla conferenza dell'osservatorio internazionale Pascal che si è tenuta proprio all'Università di Catania




Catania ha ospitato dal 7 al 9 ottobre la dodicesima conferenza dell'osservatorio internazionale Pascal che studia i temi dello sviluppo locale e delle Learning City e Learning Region. Il titolo scelto per la conferenza di quest'anno era "Connecting Cities and Universities at Strategic Frontiers" e ha riguardato le possibilità che le città e le regioni hanno di connettersi alle Università per far fronte alle sfide future (le «frontiere strategiche») che la società pone: le frontiere della conoscenza e della politica, legate, a loro volta, all'occupazione, alla migrazione, alla salute, alla sicurezza alimentare, alla cultura e al cambiamento climatico.

A tenere la relazione inaugurale è stata la professoressa Piyushimita Thakuriah dell'Università di Glasgow (professore di "Urban Studies" alla School of Social and Political Sciences e inoltre Affiliated Professor alla School of Engineering), che ha illustrato il tema delle nuove modalità di governance delle città, rese possibili dall'analisi dei Big Data ("The Future of Cities – Big Data and the Urban Economy"), illustrando in particolare l'esempio virtuoso dello "Urban Big Data Centre", un consorzio nazionale fondato dall'Economic and Social Research Council britannico a cui appartengono sette tra atenei britannici e statunitensi, guidati dall'Università di Glasgow.

In video il suo intervento integrale.