AntropologiaArcheologiaArte e beni culturaliBiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

Villa del Casale, studenti Unict partecipano alla campagna di scansioni 3D della University of South Florida

Scansioni tridimensionali, digitalizzazione e rilievi fotogrammetrici oggetto di studio nel corso della visita alla Villa romana di Piazza Armerina e al Museo archeologico regionale di Aidone




In video la giornata di attivitą didattiche al complesso archeologico della Villa del Casale e al Museo archeologico regionale di Aidone che ha visto per protagonisti ben 70 studenti dei dipartimenti di Scienze umanistiche, di Ingegneria civile e Architettura e di Matematica e Informatica dell'Universitą di Catania insieme ad alcuni studenti dell'Ateneo che stanno conducendo un tirocinio internazionale al Center for Virtualization and Applied Spatial Technologies (Cvast) dell'Universitą della South Florida.

Gli studenti - grazie alla dott.ssa Elisa Bonacini, project manager del progetto e faculty affiliated al Cvast, e al prof. Davide Tanasi, Assistant Professor del Cvast - hanno appreso i dettagli tecnici del progetto che prevede le scansioni tridimensionali e la digitalizzazione del complesso archeologico della Villa del Casale e di una selezione delle collezioni esposte al Museo Archeologico Regionale di Aidone dove sono state illustrate le tecniche e i software di scansione e di rilievo fotogrammetrico adottati per alcuni reperti della collezione, provenienti da Morgantina.

A spiegare i dettagli del progetto sono Elisa Bonacini e Davide Tanasi, insieme con Jeff Du Vernay (Research Assistant Professor Usf - Cvast) e i docenti Cettina Santagati e Filippo Stanco dell'Universitą di Catania. In video anche le impressioni sulla visita degli studenti Nicoletta Campofiorito, Santi Orlando e Valeria Guarnera.