AntropologiaArcheologiaArte e beni culturali
Astronomia
BiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

Zammų Live Session: si parte con Basse Frequenze

Primi ospiti del nuovo format che mette insieme radio e webtv d'ateneo sono i catanesi Giorgio Carbone e Toti Bella. In video l'intervista a cura di Barbara Oliveri e le riprese live della loro performance nei nostri studi


Sono i catanesi Basse Frequenze a tagliare il nastro rosso di Zammų Live Session, il format che mette insieme la radio e la webtv dell'Universitā di Catania e apre gli studi alla musica indipendente siciliana. Da un lato le interviste con gli speaker di Radio Zammų (in video Barbara Oliveri), dall'altro le performance dal vivo negli studi di Zammų TV. Ma vediamo chi č la prima band che ospitiamo.

Nato nel 2014, il power duo composto da Giorgio Carbone (chitarra e voce) e Toti Bella (batteria e cori) parte dal garage rock per poi sperimentare il "mansard rock": grezzo e allo stesso tempo ricercato, Ŧma soprattutto meno umido...ŧ. Dopo i primi concerti di rodaggio arrivano i primi feedback positivi, in agosto infatti la band vince il Lingua Rock Festival e si aggiudica il premio della critica al Gagliano Music Contest. L’estate 2014 si conclude con l’apertura del concerto dei Nobraino, in autunno pubblicano il loro primo Ep autoprodotto, "Start", e nel gennaio 2015 aprono il concerto di The Zen Circus a Catania.

Distorsione e suoni caldi, questi giovanissimi Basse Frequenze sembrano aver messo al massimo tutte le manopoline dell'amplificatore. Insieme ci raccontano della loro musica preferita, di come hanno iniziato a suonare e di come siano riusciti a ottenere il caratteristico effetto alla voce che Giorgio utilizza anche nei live...

Il progetto č a cura di Salvo Noto e Alberto Conti, le riprese sono di Dario Grasso, Giorgio Raito, Marco Di Mauro, Sonia Giardina (suono, Salvo Noto), il montaggio č curato da Sonia Giardina e Marco Di Mauro. Le scenografie e gli allestimenti sono stati curati da Stefania Andriani, Agata Ventura, Lorenzo Di Silvestro, Silvia Arecco, Roberto Privitera, Erica Calcagno, Salvo Noto.


Vedi anche