AntropologiaArcheologiaArte e beni culturali
Astronomia
BiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

Donne migranti: diritti negati e nuove schiavitù

di Salvo Noto (video) e redazione web

Delia La Rocca e Stefania Cantatore sono intervenute al secondo appuntamento del ciclo dei seminari d'ateneo “Mafia e antimafia oggi”, affrontando la delicata questione dello sfruttamento criminale delle donne migranti


Il secondo incontro del laboratorio d'ateneo “Mafia e antimafia oggi” ha visto confrontarsi Delia La Rocca, docente del Dipartimento di Scienze politiche e sociali e Stefania Cantatore, dirigente dell'Unione Donne in Italia: due testimoni del nostro tempo attivamente impegnate nell'analisi e nel contrasto di un fenomeno grave e intollerabile: lo sfruttamento criminale delle donne migranti.

Durante l'incontro, dal titolo "Le nuove mafie e l’emigrazione - Donne migranti: diritti negati e nuove schiavitù" è affrontato il tema della rinnovata tratta di esseri umani. Le relatrici conducono un'analisi della situazione attuale individuando nelle organizzazioni criminali un punto di riferimento imprescindibile per discutere della «violenza più antica del mondo» e presentano il panorama legislativo, nazionale e internazionale, con particolare riferimento alle tutele già previste e agli interventi migliorativi necessari.

Il laboratorio è organizzato nell'ambito della più ampia iniziativa intitolata alla memoria di Giambattista Scidà "Territorio, ambiente e mafie", il ciclo - coordinato dalla prof.ssa Simona Laudani (Dipartimento di Scienze umanistiche) e organizzato in collaborazione con le associazioni Gapa, I siciliani giovani, Memoria e futuro, Fondazione Fava, Udi, Cgil e con il Dipartimento di Ingegneria civile e Architettura - ha preso avvio lo scorso mese di marzo.