AntropologiaArcheologiaArte e beni culturali
Astronomia
BiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

Viaggio in riserva #1 / L'Isola Bella di Taormina

di Irene Alì (redazione web)

Prende il via dalla Perla del Mediterraneo il nostro itinerario tra le riserve naturali gestite dal centro di ricerca d'ateneo Cutgana: un video e un tour virtuale realizzati dagli esperti del centro per conoscere meglio la flora, la fauna e gli splendidi paesaggi dell'isolotto messinese




Considerata la "Perla del Mediterraneo", l'Isola Bella di Taormina, nel Messinese, rappresenta un'area di straordinaria bellezza, dichiarata già nel 1984 monumento di interesse storico-artistico di particolare pregio, mentre è del 1998 l'istituzione della "riserva naturale orientata" che ne tutela il valore paesaggistico, affidata dal 2012 alla gestione del centro di ricerca dell'Università di Catania Cutgana. A guidarci in video è la direttrice Anna Abramo.

La riserva si estende complessivamente per 10.49 ettari e include sia l’isola vera e propria (zona A) sia il Capo di Sant'Andrea e il Capo Taormina (zona B). Nonostante le modeste dimensioni, la rno conserva elementi naturalistici esclusivi, come la piccola lucertola dalla tipica colorazione rossa del ventre (Podarcis sicula medemi) e una vegetazione di rilevante interesse scientifico, come il Garofano rupicolo, il Cavolo biancastro, il Vedovino delle scogliere, il Limonio ionico (specie delle scogliere endemica esclusiva dell'Isola Bella, Capo Taormina e Capo Sant'Andrea) e il fiordaliso di Taormina, una specie rupicola anch'essa endemica esclusiva della zona. Tra le specie di uccelli legate all'ambiente marino è da segnalare la presenza del raro Gabbiano corso, il Beccapesci e il Martin pescatore. Gli ambienti rocciosi, con le imponenti pareti verticali, sono invece l'habitat ideale per il Falco Pellegrino che non è raro poter apprezzare dalle terrazze e dai padiglioni di Villa Bosurgi.

La riserva offre inoltre un ambiente marino di grande varietà con fondali ricchi di pesci legati agli ambienti rocciosi come saraghi, occhiate e giovani cernie. I fondali rocciosi della baia sono ricchi di Posidonia oceanica; notevole è inoltre la presenza dei molluschi bivalvi come la Pinna comune e il Dattero di mare. Di grande bellezza sono poi le grotte sommerse, prima fra tutte la Grotta azzurra, con specie tipiche degli ambienti profondi, come spugne, briozoi e i piccoli coralli solitari come la Margherita di mare e la Madrepora arancione.

Scopri la flora, la fauna e i paesaggi dell'Isola Bella tramite il virtual tour.


Vedi anche