AntropologiaArcheologiaArte e beni culturaliBiotechChimicaComunicazioneDirittoEconomiaFilologiaFilosofiaFisicaInformaticaIngegneria / ArchitetturaLatinoLetteraturaLinguisticaManagementMatematicaMusicologiaPedagogiaPsicologiaScienze agrarieScienze ambientaliScienze biologicheScienze del farmacoScienze della terraScienze medicheScienze naturaliScienze politiche e socialiStoria

Perché Chimica

«È uno strumento di scoperta», «una scienza che connette l'aspetto macroscopico e quello micro», e poi «la laurea in Chimica è tra le prime cinque per sbocchi occupazionali»: in questo video studenti, ricercatori e docenti del dipartimento di Scienze chimiche spiegano perché studiare a Catania


Quarta tappa del viaggio di Zammù TV tra i dipartimenti e i corsi di laurea dell'Università di Catania: questa volta è il turno del dipartimento di Scienze chimiche.

«Uno strumento di scoperta», «una scienza che connette l'aspetto macroscopico e quello micro», una ricerca sempre più orientata a garantire «uno sviluppo tecnologico affiancato alla sostenibilità e alla compatibilità con l'aspetto ambientale». Sono alcune delle battute con le quali studenti e docenti hanno risposto alla domanda cruciale "perché?". 

Si sceglie di studiare chimica per provare l'avventura di «svegliarsi ogni mattina con un pallino in testa e andare in laboratorio a provare le idee che hai elaborato assieme a un team, spesso e volentieri internazionale». E poi «la chimica è nell'acqua che beviamo, nel cibo che mangiamo, nei vestiti che indossiamo, in tutte le applicazioni che oggi si basano su materiali avanzati».

Il dipartimento di Scienze chimiche dell'Università di Catania raggruppa oltre 50 docenti che ricoprono tutte le principali aree di specializzazione: da quelle eminentemente teoriche agli ambiti di applicazione, dalla chimica organica, biorganica e biomolecolare alle scienze dei materiali. «La nostra forza non è solo nell'insegnamento, ma nella ricerca», sostiene un docente. Gli fanno eco gli studenti confermando che «iscriversi a Chimica permette di avere un rapporto molto stretto con i docenti. Si comincia al mattino studiando e si passa il pomeriggio in laboratorio vedendo quello che hai già appreso sui libri».

A supporto della passione, che dovrebbe sempre costituire la molla fondamentale per la scelta del corso universitario, non guasta un pizzico di calcolo, o quanto meno di tranquillità sulle prospettive: «La laurea in Chimica è tra le prime cinque per sbocchi occupazionali e velocità di trovare un lavoro per i giovani laureati».

Assieme alle ragazze e ai ragazzi incontrati a Chimica, hanno risposto alle domande di Zammù TV i professori Luisa D’Urso e Placido Giuseppe Mineo, la dottoressa Rosalba Randazzo e il direttore del dipartimento, prof. Roberto Purrello.


Vedi anche